Ansia da prestazione di fatturato, benvenuta primavera!

Ho lavorato per diversi anni nei centri fitness e so bene che l’arrivo della primavera per molti titolari e manager è portatore di stress ed ansia da prestazione di fatturato.

Dopo l’infornata di clienti di gennaio per il dopo panettone, quella di febbraio con San Valentino e qualche buon strascico del mese precedente…con la primavera “arriva il tempo delle vacche magre”!

Ed ecco che lo stress da fatturato mal gestito comincia a generare una serie di reazioni impetuose e facilmente riassumibili con la frase “inizia la svendita di primavera“….a cui seguirà poi quella ancora più atroce dell’estate, per poi, se si è sopravvissuti, rifiatare con la decorrenza di Santo Settembre.

Partono le promozioni a raffica. Si inzia dagli ex soci a cui si manda l’ennesimo e oramai periodico sms con lo sconto. Ma questa volta è primavera, esageriamo con un super sconto (adesso lo acchiappiamo di sicuro!).

Si passa poi ai tour che non hanno acquistato. Anche per loro super offerta con tanto di sms e telefonata rompiscatole.

Ma ci servono anche i nuovi!“…e ci si ricorda così di avere una pagina Facebook dove l’ultimo post era la promozione di Natale a cui attacchiamo subito quella di primavera.

Ma i ritorni? Pochi e sicuramenti non in linea con le aspettative bellicose di inizio campagna!

Forse ho un pò esagerato, lo ammetto, ma purtroppo per tanti centri fitness è così o quasi. Lo dico per esperienza.

Ma se provassimo a vedere il bicchiere mezzo pieno e a considerare la primavera come opportunità e non un momento di svendita? Proviamoci!

Immedesimiamoci innanzitutto nei poteniali clienti.

Partiamo dagli ex clienti e tour che non hanno acquistato. Pensateci bene: se non hanno comprato da voi da gennaio a marzo, magari con qualche promozione, perchè dovrebbero farlo adesso?

E poi, siete sicuri che in questa fase dell’anno sia proprio lo sconto la leva giusta? Penso proprio di no. Chi vuole fare attività fisica e risparmiare va a correre al parco, non va in palestra.

Quindi ex clienti e tour dispersi lasciamoli stare, o almeno non insistiamo più del dovuto.

Ma chi può essere interessato a venire nella nostra palestra? Anzi riformulo la domanda: chi potrebbe avere bisogno di noi?

Questo primo, seppur timido, sole primaverile proietta la mente alla stagione estiva e in tanti si pongono il problema di come arrivare, con quale forma fisica.

Quindi la chiave è il “dimagrimento”!

Possiamo arrivarci, come ho fatto, ragionandoci un attimo ma anche facendo una piccola ricerca su Google Trends che evidenzia il fatto che ad inizio aprile c’è il picco della domanda di parole chiave relative al dimagrimento.

Aver individuato il potenziale target non basta.

Servono altri due piccoli sforzi: proporre la giusta offerta e saperla comunicare.

A chi vuole dimagrire e non ha tanto tempo a disposizione non possiamo proporre il “solito abbonamento” ma soprattutto non il solito servizio. Serve qualcosa di più.

Provate a svincolarvi dagli schemi del listino, fate il marketing con la “p” di prodotto e create un percorso ad hoc per queste persone. Conditelo di servizi. Costano? Fateli pagare!

Ricordatevi che queste persone non cercano sconti ma cercano la migliore forma fisica in vista dell’estate!

Creato il pacchetto TOP (su questo tema gli esperti siete voi e non oso darvi lezioni 🙂 ) è arrivato il tempo di comunicarlo.

Vediamo quali strumenti servono ma soprattutto quali sono i contenuti più attraenti.

Ci servono contatti profilati di persone interessate e chi è in grado di fornirceli si chiama Facebook ed Instagram. Una campagna di lead generation presuppone un buon calendario editoriale per intercettare e coinvolgere potenziali clienti, i formati giusti per acquisire il contatto e un budget per la pubblicità. Su questo tema ho creato un corso online ad hoc dove insegno il mio metodo di fitness lead generation (LO TROVI QUI).

Gli strumenti non bastano, serve dare un messaggio accattivante, interessante, coinvolgente a partire dal titolo.

Prendo spunto da alcune palestre che fanno un’ottima comunicazione e vi accenno ad esempio due formule che ho visto funzionare molto bene:

  • PROGETTO RICERCA: Cerchiamo 20 partecipanti….
  • Sfida te stesso, prendi parte alla SLIM CHALLENGE…

(Nel mio corso Fitness Lead Generation troverete anche queste case history)

Ed è così che possiamo dire addio all’ansia da prestazione di fatturato e tramutare la primavera da problema in grande opportunità di business.

Buon lavoro, ci vediamo al prossimo post 😉

Carmine Preziosi

 

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *